Notturni e mixaggi

L'altro giorno riguardando i file degli ultimi disegni che ho caricato al pc mi è tornato davanti agli occhi il secondo schizzo che avevo fatto per Spirito dei Litfiba.
Nonostante mi sia concentrata e stia lavorando principalmente su quello, il richiamo del notturno e della riflessione è stato troppo forte e quindi ho cominciato a colorare anche questo qui.

work in progress

Questa volta ho deciso di segnare prima le figure attraverso i contrasti di luce e ombra e poi, eventualmente, le delineerò maggiormente per non 'perderle' nella fumosità, ma non è l'unico notturno su cui ho speso un po' di tempo. 
Sere fa infatti ho trasformato l'interno di una scatoletta di cioccolato in un foglio da disegno, appiccicandolo ad un ritaglio di carta crespa blu, in modo da creare quasi una piccola scena teatrale, fra l'altro la scatola non ha perso la sua forma e dato che si può ancora chiudere volevo fare in modo che si trasformasse in una sorta di libretto, come se si stesse aprendo una scena di una piccola storia!

La fuga del fauno, acquerello e digitale

Sia nel primo che nel secondo caso ho cercato di fare attenzioni alle luci, infatti nel secondo le ho aggiunte digitalmente per cercare di creare un'atmosfera ancora più segnata dalla presenza lunare.
Cercare di cogliere la notte ed i suoi contrasti è sempre stata una mia grande aspirazione, in generale mi è sempre piaciuto provare a catturare gli effetti di luce che rendono speciali paesaggi e figure e le prove che sto facendo ultimamente grazie all'esperimento delle playlist mi sta aiutando a prendere più confidenza con le trasformazioni che un disegno cartaceo può subire una volta trattato con uno strumento diverso. certe volte sono stata troppo puritana, assolutamente troppo, creando dei tabù e dei limiti che il disegno e che io stessa non posseggo perché a me fondamentalmente piace prendere le cose e metterle insieme, fonderle in qualche modo cercando di creare qualcosa che viva di tutte le sue parti. 
Quando metto le mani alla colla e mi vengono queste idee come quella della scatola di cioccolato e la carta crespa entro in un altro stato mentale, come se stessi veramente costruendo qualcosa ed ultimamente anche appunto delle sbavature nel disegno mi stanno facendo sempre meno paura; metto, copro, rifaccio con più naturalità rispetto a prima e penso a quante cose posso assolutamente ritoccare e rendere nuove tutte le volte che lo ritenga necessario! *_*

Comments

  1. Alessia, ma esponi e presenti i tuoi disegni? Sono in vendita da qualche parte? Perché, non mi stancherò mai di dirlo: sono superbi!


    Ispy

    ReplyDelete
  2. La fuga del fauno è davvero riuscita, c'è un senso di profondità (sul piano tecnico) ineccepibile.
    Sul piano artistico trasmette mistero e tensione, stupendo.

    ReplyDelete
  3. Direi che hai catturato magnificamente l'atmosfera notturna. Non capisco però bene la condizione del personaggio del primo disegno. Da un lato (quello alla nostra destra) sembra immerso in una siesta, dall'altro sembra in tensione in una posizione molto scomoda.

    ReplyDelete
  4. Bellissimi, intonati con la grafica del blog pure!
    P.S: il blu è il mio colore preferito.
    Petralia Alaskana

    ReplyDelete
  5. Il secondo disegno di fa ricordare l'ambientazione di Theros.
    Un sacco fico

    ReplyDelete
  6. Ispy se vuoi su Deviantart ci sono alcune stampe in vendita, ma non so quanto ti convenga a livello di prezzi! :°D

    http://alessiahv.deviantart.com/

    Sul primo ci devo ancora lavorare tantissimo, anche se le mie intenzioni erano quelle di presentare un uomo stanco da una giornata (di viaggio, di cammino, di pensiero) che si ferma per riflettere con l'ausilio della notte quindi la tensione ed il rilassamento dovrebbero viaggiare insieme ma se hai consigli su qualcosa in particolare dimmi pure così prendo spunto! :D
    Thanks a lot!

    ReplyDelete

Post a Comment

Feel free to leave a comment here, sorry for captcha btw!

Popular Posts