L'animo antico delle stagioni.

Alessia H.V., 'Soul of seasons', crayon on paper, 2015.

Lento è l'incedere dell'inverno
se all'imbrunire di un nostalgico autunno
permane ancora il tepore dell'estate.

testo di Alessia H.V.
Per la verità non ho moltissimo da raccontare su questo disegno; tutto è partito dalla faccia anziana e da alcuni elementi del paesaggio tratteggiati a matita e poi è stata tutta un'euforia di colori. Stavolta non mi sono posta limiti di paesaggio e di immaginazione, ho voluto vagare liberamente dove volevo rispolverando quei colori che tanto amavo e che utilizzavo un bel po' di tempo fa.
Certo, avessi utilizzato un foglio d'album liscio sarebbero risultati più brillanti, ma ovviamente non potevo immaginare come si sarebbe sviluppato quello che avevo concepito come uno schizzo da fare sul blocco e poi ho una naturale tendenza nei confronti della randomicità del supporto, ve ne parlerò più avanti quando vi presenterò un altro lavoretto fatto di questi tempi!

Ultimamente fare le foto ai disegni è un manicomio! :°D
Questa settimana ha piovuto talmente tanto da sembrare di essere nel film 'La tempesta perfetta', ha fatto un solo giorno di sereno e poi giù tonnellate di acqua e di nebbia! Quindi perdonatemi se alcune foto precedenti sono venute scure, ma è stato tutto quello che potevo fare! 

A presto e buona domenica!

Comments

  1. Assolutamente straordinario ciò che la tua vena artistica riesce a trasmettere alla capacità delle tue mani.
    Cristiana

    ReplyDelete
  2. Non riesco a discostare l'attenzione dal coniglio e dalla tana che guarda con brama. Vi entrerà mai? E' questo il mistero subliminale di questo disegno spettacolare. :)

    Ispy 2.0

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahah! Ispy tu vedi le cose in modo molto particolare, si vede che la tua mente ama l'esplorazione e ti ringrazio tantissimo per apprezzare il mio disegno! *_*

      A presto!!

      Delete
  3. Molto "nativo americano". Sembra la versione adulta della quercia-vecchietta che parlava a Pocahontas nel film della Disney.
    Si vede proprio il contrasto cromatico fra freddo e caldo nell'uso di tonalità giallorosse e bluverde, senza vie di mezzo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahah! Anche a me ricordava Nonna Salice quando lo riguardavo, ma l'ispirazione non è partita da quello, è stata una riflessione più personale che si è mescolata con le figure ed i paesaggi americani che ultimamente vedo molto da vicino visto che ne sto leggendo i miti e le leggende! :D
      Sì questa è stata sempre una mia caratteristica, nei miei disegni del liceo questi colori la fanno da padrone proprio con questa suddivisone, ho voluto recuperarli!

      Grazie del commento Ariano!!

      Delete
  4. Hai trovato davvero delle belle soluzioni per rappresentare soggetti che a prima vista paiono una cosa ma poi ad uno sguardo attento sono tutt'altro

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Obs, è un grande complimento che mi fai!!
      Un saluto!

      Delete
  5. bello, il volto che esce dalla faccia mi ricorda un po' Nonna Salice di Pocahontas... in realtà sembra guardare con disincanto e saggezza le stagioni della vita. Una consapevolezza malinconica.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti sei avvicinato moltissimo all'origine di questo disegno Prince! ^^
      Grazie infinite!

      Delete
  6. Mi piacciono sempre di più queste nuove illustrazioni. Vedi sempre un lato fantasy del nostro mondo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Marcoo!
      So quanto ci tieni a condividere queste sensazioni e mi fa un piacere immenso!

      Delete
  7. A metà tra fiaba e horror. Inquietante, bello e affascinante. Stavolta però non ho nessun dubbio sull'influenza di C.B. ^^

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahah! :D
      Anche a me dava questa sensazione, è per causa del viso anziano mi sa! :°D

      Grazie Ivanoo, un saluto!

      Delete
  8. Hai una tecnica pittorica che mi piace moltissimo, una fantasia che mi porta sempre lontano, un'espressività che mi tocca il cuore...Quanto mi piacerebbe comprare un tuo quadro e lasciarti libera di dedicarmelo come tu lo senti!
    Un bacio amica cara!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahah! Almeno la pensassero in molti come te, cara Nella!
      Su un sito provo a mettere in vendita le stampe ma ancora nada!
      Ma chi lo sa, magari un giorno potrei dedicartene uno!

      Grazie del bellissimo complimento e pensiero!

      Delete
  9. C'è una stonatura nel disegno, ovvero come hai colorato di giallo e rosso dietro all'albero, sembra la mano di un'altra persona rispetto al resto del disegno (bello) e soprattutto del viso (stupendo), come se ti fossi stancata di colorare e avessi fatto di fretta.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ho capito cosa intendi, ma in realtà il cielo è la parte meno realistica di tutto il disegno ed ho voluto trattarlo in modo più diretto e di getto dando le impressioni dei vari colori che compongono i cieli delle stagioni. ^^
      So che non è facile e che ancora non ho una mano abbastanza esperta da rendere l'idea ma ci ho voluto provare lo stesso, qui come ho detto mi sono liberata da qualsiasi parametro e sono andata free-way, mi dispiace ti abbia dato un gusto diverso ma grazie comunque per l'osservazione e per i complimenti al resto Michele! ^_^

      Delete
  10. Mi piace molto: una vena horror la vedo anche io *__*
    Colori sapientemente gestiti per rappresentare il ciclo delle stagioni! Gli alberi, quasi umanizzati (così li vedo io), sono spettacolari.
    La lepre sembra quasi un monito, a ricordare il ruolo delle stagioni nella vita degli esseri viventi.

    Brava Alessia *__* Un abbraccio! ^^

    ReplyDelete
    Replies
    1. Wahh, grazie Glò! *_*
      Come dicevo ad Ariano, trovandomi a stretto contatto con la mitologia dei Nativi in questo momento, inevitabilmente ci sono degli elementi che mi vengono direttamente da quel tipo di immaginario - sebbene sia particolarissimo e fatichi a capirlo a volte! - e la lepre mi è venuta pensando a quei boschi e quei luoghi. Io sono contenta di questo lavoro, è sicuramente una delle cose più personali che vi abbia mostrato fino ad ora e mi fa piacere tu lo abbia apprezzato Glò, grazie infinite sempre per il tuo entusiasmo! *_*

      Delete
  11. I colori sono sempre ben gestiti ed eh si ci vedo anche io l'influenza dei personaggi di Pocahontas.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì come dicevo nei commenti precedenti un po' di cultura nativa dove le donne anziane sono molto presenti come personaggi magici c'è, ma fondamentalmente la riflessione iniziale sul volto anziano non è partita da quell'input! :D
      Comunque grazie Nick!
      A presto!

      Delete
  12. sinceramente il colore su carta ruvida a me piace moltissimo...
    regala una sfera di verismo che merita di essere visto

    ReplyDelete
    Replies
    1. Piace molto anche a me ma mi è più difficile gestirlo a volte!
      Grazie infinite Pata! ^_^

      Delete
  13. Ciao, mi piace molto il tuo blog! I tuoi disegni sono meravigliosi... profondi e mai banali... delle belle storie, complimenti! :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Lola e benvenuta qui! :D
      Grazie infinite, mi fa piacere ti abbiano dato quest'impressione! ^_^

      A presto e un salutissimo!

      Delete
  14. Io amo il coniglietto! Ecco! xD

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahah! Dovevo metterlo per forza! *_*
      Grazie Nyu! :°D

      Delete
  15. Molto mitologico-folkloristica come idea. :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, ti ripeto ho subito parecchio l'influenza dei paesaggi dei nativi e l'ho utilizzata per esprimere un qualcosa che veniva, però, più dal personale! :D

      Delete

Post a Comment

Feel free to leave a comment here, sorry for captcha btw!

Popular Posts