[Spunti di viaggio - parte prima ]

Cercare di classificare od organizzare un 'piano narrativo' della settimana appena trascorsa non è cosa semplice, tuttavia ho deciso di provarci cercando di trattanre via via sia il lato ludico-generale dell'esperienza che quello più strettamente collegato al tema del blog e quindi al comparto più peculiarmente 'siciliano'!
La 'scampagnata prolungata' è stata organizzata in onore dell'arrivo di un nostro amico dalla Calabria (il solito da cui andiamo spesso e che raggiungeremo fra qualche giorno) con la volontà di passare una settimana fra film e giochi di vario tipo, cibo e sicilianità che aveva avuto poca occasione di vedere in altre visite passate; i film in programma erano diversi, non li abbiamo ovviamente visti tutti, ma fra i titoli battuti si annoverano: Conan il Barbaro del 1982 con Schwarzenegger, Chronicle, Life of Brian (Brian di Nazareth dei Monty Python), Black Dynamite, Perfect Blue e Millennium Actress di Satoshi Kon ed infine Shutter Island. Procediamo per ordine!

Su Conan il Barbaro, mi direte e cosa c'è da dire oltre al fatto che vi ha recitato da protagonista Arnold Schwarzenegger con uno dei copioni più corti della storia del cinema? :°D E invece vi dirò che da dire c'è, perché lasciando stare l'andazzo e la consistenza della trama un po' abbozzata e, a quanto mi è stato riferito, che risulta una sorta di calderone di tutta la vicenda del personaggio, dal punto di vista puramente artistico è un film che lascia occhi ed orecchi pieni della grandiosità di musiche e di paesaggi con una resa dei modelli utilizzati per le creature davvero accurata per la data di uscita (1982): un film che, nella sua semplicità risulta ben reso e poco ma veramente poco spocchioso.

Peccato non poter mostrare qualcosa di meglio!
Chronicle, invece, ricalca a grandi linee il plot di Rising Stars un fumetto ideato e scritto da J. M. Straczynski ( che devo ancora leggere e che C. caldamente consiglia!), il quale tratta di alcuni supereroi che condividono un potere speciale dalla nascita; nel caso del film il 'potere' viene assegnato ai protagonisti a seguito di un troppo ravvicinato contatto con una pietra misteriosa durante una festa scolastica e così i tre ragazzi si trovano ad avere possibilità telecinetiche, di difesa sovrumana e addirittura di volo. Uno di loro, però, colpito già precedentemente al suo battesimo superomistico da diverse angherie da parte del padre e della società in genere non gestirà esattamente come ci si aspetterebbe il proprio privilegio, dando un forte senso di realismo alla storia che è molto più umana ed antieroica di quello che ci si potrebbe aspettare. 
A me è piaciuto in generale, tra tutta la fanghiglia di film sui supereroi che sta uscendo in giro trovo che film come questo o il ben più famoso e citato Watchmen siano da tenere sotto controllo (a me Watchem è piaciuto un casino, per la cronaca!).

Una scena del film.

Arriviamo, quindi, a Life of Brian meglio conosciuto come Brian di Nazareth ottima parodia del religioso studiata e messa in scena  dal genio dei Monty Python e su questo, credo, ci sia poco da dire se non che è veramente sottile, inglese, spassoso e dissacrante! Perdonatemi, non riesco a fare un analisi di questo film, non ne ha veramente bisogno: deve solo essere visto!

Always look on the bright side of liife!

Per il ciclo 'filmissimi' si trova in testa Black Dynamite! :°D
Un film che parodizza un particolare genere trasmesso nei grindhouse americani, cinema in cui venivano proiettati i B movies ovvero film di serie Z, in questo caso focalizzato sui film 'dei neri fatti per neri' ovvero blaxploitation films (mamma quante definizioni in un colpo solo, ma mi sembrava il modo giusto per spiegarlo dato che V. me lo ha spiegato così.... questi tecnicismi! cit. :°D).
Niente di serio, quindi: cazzotti, pollastrelle, battute ad effetto e slang a tempesta per un effetto all'inizio molto simpatico ma che va scemando di presa sullo spettatore nella seconda parte del film... you dig it? 

Dynamitee... dynamitee!

Ed oggi mi fermo a Shutter Island, in quanto i due film di Satoshi Kon meritano ben altro spazio e più appropriato!
Riguardo all'interpretazione di DiCaprio in lingua avrei milioni di miliardi di riserve, mi è piaciuto veramente poco, mentre ho trovato la vicenda nel suo insieme interessante, ma troppo, veramente troppo lunga e diluita, avrebbero potuto contrarre meglio la trama evitando alcuni dei sogni sovrannaturali e concentrandosi sul punto focale del film che non svelo per non rovinare la visione a nessuno (ma nei commenti si può andare di brutto con lo spoiler!); un film dall'idea buona rovinata dalla troppa bramosia di stupire: tutto il contrario di Conan che dimostra come per stupire non ci sia bisogno di mille effetti speciali ma solo di qualche accorgimento e gusto nel particolare e che non mira però a vendere una trama semplicissima come fosse un capolavoro.

A presto con gli altri spunti di viaggio!

Comments

  1. Io ho il dvd di Conan il barbaro e.. non l'ho ancora visto!! A momenti lo dimenticavo.
    Dovrei vedere un bel po' di cose che ho sepolte in camera!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Noi abbiamo una lista di film infiniti, ma ce la faremo!!
      Prima o poi ci riusciremo!!

      Delete
  2. Ho visto solo Life of Brian, ma se ben ricordo mi è piaciuto di meno de Il senso della vita, l'hai visto? Comunque in lingua originale per me sono un suicidio: non ci capisco ancora nulla xD

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oh yep! Ho visto anche Monty Python e il Sacro Graal, tutti e tre in inglese e li ho trovati spassosissimi! Il senso della vita è quello più raffinato e tagliente anche perché non tratta un unico 'episodio' ma abbraccia un panorama più esteso!

      Delete

Post a Comment

Feel free to leave a comment here, sorry for captcha btw!

Popular Posts